PLAY MUSIC STOP VIOLENCEcambia il mondo con la tua musica

Home / Concorso / Brani / Emanuele Panza

foto

"Che ne sapimmo nuje"

Emanuele Panza

Testo brano

"Che ne sapimmo nuje"

Testo in napoletano:

Passa n'atu juorno 'i chesta primavera
guardo sott 'a casa na guagliona nera
tutta mprufumata e vestuta e rosa
rosa senza spine, so' cagnate 'e cose
comme so' cagnate nun 'o saccio ancora
ma se legge in viso nu sorriso a fiori
fiori culurati cchiù belli d'ajere
quanno miezzo 'o mare contro 'a morte vinceva

ah... ma che ne sapimmo nuje
che stamm 'o 'ccauro ccà...
che ne sapimmo nuje che stammo buon' ccà

Ajere guardava sulamente attuorne
cercanno li frat' suoje dint 'o mare funno
e tenenne 'o sguardo perso dint 'o vvuoto
ha pensato 'o peggio ma se so' salvat'

oggi tene 'e piere ncopp 'a terraferma
a confronto 'i ajere è tutto 'na pazziella
'a vita, 'a fatica, i pregiudizi 'i ll'ate
nun le fanno niente, ormai 'o peggio è passato

ah... ma che ne sapimmo nuje
che stamm 'o 'ccauro ccà...

E guardanno 'o mare pensa "comme è strano
che 'na cosa accussì bella s'ha purtato luntano
vite 'ncopp a vite" e scrive ncopp 'o muro
ca nt'o scuro fanno luce e sotto 'a luce ce sta 'o scuro 'e vvote...
nun è tutto oro chello che luccica
'e vvote...

quanto è bello 'o mare a l'o veré
quanti vite s'ha purtato però cu sé

quanto è bello 'o mare a l'o veré
quanti vite s'ha purtato però cu sé

quanto è bello 'o mare a l'o veré
quanti vite s'ha purtato però cu sé
                     
ah... ma che ne sapimmo nuje
che stamm 'o 'ccauro ccà                                      che ne sapimmo nuje che stammo buon ccà

passa n'atu juorno 'i chesta primavera
guardo sott 'a casa na guagliona nera
tutta mprufumata e vestuta e rosa                                           
rosa senza spine, so' cagnate 'e cose

In caso di difficoltà nella comprensione del testo, questa è la traduzione in italiano, anche se è difficile farlo mantenendo il senso.

Passa un altro giorno di questa Primavera,
guardo sotto casa una ragazza di colore
profumata e vestita di rosa
rosa senza spine perché le cose sono cambiate.

Come (sono cambiate) non lo so ancora,
ma si legge in viso un sorriso "a fiori"
fiori colorati, più belli di ieri
quando in mare vinceva contro la morte

ah... cosa ne sappiamo noi che stiamo qui al caldo, che stiamo bene.

Ieri non faceva altro che guardarsi intorno
cercando i suoi fratelli nel mare profondo
e con lo sguardo perso nel vuoto
ha temuto il peggio ma si sono salvati.

Oggi ha i piedi sulla terraferma
In confronto a ieri è tutto un gioco
la vita, il lavoro, i pregiudizi degli altri
non le fanno niente, ormai il peggio è passato

Cosa ne sappiamo noi che stiamo qui al caldo e stiamo bene.

E guardando il mare pensa "come è strano che un qualcosa di così bello ha portato lontano vite su vite" e scrive sul muro che nel buio fanno luce e dietro la luce si nasconde il buio a volte
non è tutto oro ciò che luccica, a volte.

Quanto è bello il mare a guardarlo
quante vite ha portato però via con sé

Ma cosa ne sappiamo noi che siamo qui al caldo
Cosa ne sappiamo noi
che stiamo bene...
qui.